martedì 15 febbraio 2011

Sapore Antico

Nella mia Bottega, un angolo laggiù in fondo lontano da matasse di lana e da rotoloni di stoffe ci sono dei giochi dal sapore antico. Trottole in legno, bambole poco simili alla realtà con l’unico elemento tecnologico rappresentato dagli occhi che si aprono e si chiudono, bambole in pezza, biglie con i calciatori o meglio ancora con i ciclisti, anche se alla mia “epoca” resistevano ancora i tappini dei succhi di frutta.


Una volta si giocava, almeno nel mio paese, soprattutto all’aria aperta, chi di voi si ricorda la campana?

Non c’era una via del paese che non ne avesse una disegnata a terra, e di “Mondo”?

Si disegnavano dei cerchi a terra ognuno rappresentava un continente e poi c’era il “Mondo ” di turno che declamava: “Il mondo dochiara guerra a.....” , la nazione che veniva attaccata doveva scappare fino a che non veniva attaccata dal Mondo.

E chi si ricorda: UNO, DUE, TRE STELLA?

E poi c’era : Regina Reginella quanti passi devo fare per arrivare al tuo castello con la fede e con l’annello ....ops come faceva?

Con i bimbi che crescono mi viene spontaneo ricordare i giochi che facevamo noi quando eravamo più piccoli. Guardo al passato con nostalgia e anche con la convinzione che certi giochi facevano bene all’anima!

Non voglio condannare tutto ciò che la nostra società propone ai nostri figli per giocare, di sicuro un domani anche io mi vedrò “costretta” a comperare qualche videogioco per non farli sentire “diversi”, intanto però giocate per un pò con il cavallo a donodolo, poi si vedrà!

Ops sul cavallino, ribattezzato Frou Frou, in onore del cavallo degli Aristogatti è rimasto il Gilet che ho fatto per Luca! Lo ha indossato il giorno di Natale.


2 commenti:

DonatellaM ha detto...

Ciao Sabry,
io ho un ricordo bellissimo della mia infanzia.
Con poco ci si divertiva! Passavo intere estati a giocare a ruba- bandiera e campana al prato giardino, lunghe passeggiate in bicicletta nel lungo lago. Che bei ricordi!
Ma tutto passo così in fretta.
A presto DonatellaM

Sabrina ha detto...

e' vero il tempo passa cosi' in fretta!
certo la citta' non aiuta per le attività all'aria aperta
ma con un po' di impegno e fantasia cerco di tenerlo lontano da videogames e quant'altro!